Ho letto un terno secco

Le ferie forzate sono un buon momento per sessioni di lettura estrema, di quelle che coprono bene il tempo tra l’attività di binge-watching e qualche uscita serale strategica. Per caso o per fortuna ho appena finito di leggere una infilata di tre libri tre che meritano tutti una segnalazione, anche breve. Praticamente come prendere un terno secco al lotto. Non sono libri nuovissimi e nemmeno troppo vecchi ma il fatto che li abbia lenti in fila e che mi siano piaciuti, più o meno allo stesso modo, me li farà ricordare a lungo.

Jared Diamond, Armi acciaio e malattie. Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni, Einaudi 2006
Come condensare 13 mila anni in poche centinaia di pagine. Storia ma soprattutto preistoria del mondo e dei suoi abitanti. Risponde a una serie di domande di base sul perché di certi avvenimenti suggerendo ipotesi interessanti e, talvolta, in contrasto con il senso comune. Agricoltura, allevamento, scrittura, guerra, migrazioni e malattie, tutto quello che c’è da sapere per una conoscenza di base del mondo. Una volta tanto il testo non è centrato sull’Europa o sull’Occidente. Scritto in modo comprensibile e con un ricco apparato bibliografico.

Alex Butterworth, Il mondo che non fu mai. Una storia vera di sognatori, cospiratori, anarchici e agenti segreti, Einaudi 2011
Si tratta di una ricostruzione letteraria del milieu politico europero dalla Comune di Parigi alla Rivoluzione di ottobre. Protagonisti assoluti sono i cosiddetti populisti (nel senso originario e corretto del termine) le cui storie sono raccontate anche attraverso l’aiuto di documenti delle polizie politiche del tempo. Vi compaiono, nel ruolo di comprimari, anche gli anarchci protagonisti della stagione della “propaganda del fatto”. Scritto in modo da alleggerire in modo significativo la relativa pesantezza dell’argomento, Ha anche un minuscolo apparato iconografico.

Paco Ignacio Taibo II, Que sean fuego las estrellas. Barcelona (1917-1923), una historia narrativa de sindicalistas y pistoleros, Planeta 2015
Non credo che esista ancora in traduzione italiana. Non è il primo libro che si occupa dell’argomento e non è un libro storico nel senso classico. Ma solo uno scrittore poteva raccontare gli avvenimenti, quasi quotidiani, di sei anni nei quali il conflitto sociale a Barcelona ha assunto caratteristiche che non si erano mai verificate prima e che non si sono mai più riscontrate nella storia. Leggendolo si riesca a inquadrare la storia della Guerra civile spagnola sotto un profilo che spesso si perde quando si leggono i libri dedicati principalmente a questo avvenimento. L’apparato di note, arricchito da illustrazioni, non è stato stampato nel testo ma è disponibile (gratis) sul sito dell’editore.

Scavi notturni di mezza estate

Due cose su quello che sta avvenendo dall’altra parte del continente euroasiatico.
Quelli che protestano a HK sanno bene cosa stanno facendo, almeno a giudicare dalla cartina che segue e dalle croci di colore rosso segnate.

Sono alquanto stonato ma i versi che incollo qui sotto secondo me si possono cantare su un vecchio motivetto.

Who’s the leader of the cult of personality?
M-A-O T-S-E dash T-U-N-G
Mao Tse-Tung!
Mu Sho Chi!
Mao Tse-Tung!
Cho En-Lai!
Forever let us hold our banners high! High! High!
Come along and sing the song
And join the bureaucracy
M-A-O T-S-E dash T-U-N-G!

Skup!

I nostri giornalisti investigatori ci hanno fornito uno skup in esclusiva!
Da tempo e in molti hanno sollevato il problema dei rifiuti a Roma ma nessuno è stato mai in grado di spiegare la ragione per la quale la raccolta della spazzatura nella città eterna ha grossi problemi.

Questa foto svela, finalmente, il mistero!

giugno 2019Ma forse è meglio un ingrandimento. Cliccare sopra per vederci meglio.

PS Si, probabilmente il furgone è anche in divieto di sosta…